Fra le cose che ormai da molti anni, venti per la precisione ed è davvero un bel compleanno, danno un segno alla città c’è il Suq del Porto Antico, inventato appunto due decadi orsono dalla infaticabile e appassionata Carla Peirolero. Una manciata di giorni in cui fanno festa parti della città che già  si conoscono e si frequentano abitualmente, che non hanno paura le une delle altre. Un luogo di profumi, colori, oggetti, cibi, musiche e parole che annullano le distanze e valorizzano le differenze. Non per niente era un posto in cui amava andare anche don Gallo e la sua presenza lascia sempre un’impronta indelebile.

Questa sera, Mariuccia, una nostra amica, ha visto aggirarsi fra gli stand affollati del Suq un ragazzo su una carrozzella elettrica e ha ricordato di averlo visto anche all’interno del corteo del Liguria Pride. Ecco, due occasioni in cui manifestare il nostro desiderio di tolleranza, amicizia, accoglienza e voglia di far casino in allegria. Due occasioni in cui è bello aver visto quel ragazzo e in cui si capisce perché non vedremo mai il sindaco Bucci.

LASCIA UN COMMENTO