Sembra ieri. Giovanni il Delfino si precipitava ad Arcore per festeggiare il Natale con Silvio, l’uomo che non solo gli ha pagato lo stipendio per anni ma ha pure finanziato a fondo perduto quel partito che ora Giovanni vuol lasciare come la cozza che non riconosce più il suo scoglio.

Ma Giovanni è così, fedele fino alla fine. A sè stesso.

LASCIA UN COMMENTO