Primarie Pd: una bambola per Regazzoni

0
1071

Una start up di ingegneria ha deciso di raccogliere l’appello proveniente dalla Protezione Civile che ha confessato di non essere in grado di aiutare Simone Regazzoni nella sua incessante richiesta di un colloquio/sfida/confronto/dibattito/relazione/breveincontro/liaison/leggerosfiorarsi/apostroforosa

con Alessandro Terrile, Luca Borzani, Terminator o Pluto.

Alcuni operatori del disagio e diversi giornalisti emotivamente provati dal numero di comunicati stampa del pump filosofo si sono consultati con i giovani innovatori tecnologici e hanno trovato la soluzione.

Una bambola gonfiabile con il volto di Luca Borzani (Terminator è troppo brutto, Pluto ha il copyright e Terrile non se lo ricordava nessuno).

Si spera così che Regazzoni potrà soddisfare nel buio della sua stanzetta le sue più oscure perversioni: leggere al bambolotto Borzani l’opera omnia di Derrida; fargli tutti i nomi e cognomi dei genovesi che non hanno gradito il videomapping sul Ducale; fare i nomi e i cognomi di tutti i tesserati del Pd che sostengono il giovane Simone (non è una pratica che porti via molto tempo); umiliare Borzani  elencandogli tutti i dinosauri del Pd e tutti gli antichi luoghi del potere genovese (ma evitando con cura di nominare la Fondazione Carige); simulare, nel suo finto seggio della Barbie costruito in un angolo della stanzetta, la lettura delle schede delle primarie in cui Borzani raccoglie un quinto dei voti di Regazzoni (cioè 2); infine un rapporto dialettico a tre con un cartonato di Renzi.

La bambola è dotata di uno spillone per l’acme della soddisfazione politica: il flop dell’avversario.

LASCIA UN COMMENTO