Ministro Orlando, coraggio, dica qualcosa sulla tortura

0
631

amnesty

di Marco Preve e Ferruccio Sansa

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando sui media discute e risponde a domande riguardanti vari argomenti: dalle sparate di qualche senatore su Roberto Saviano alle nuove norme sulle intercettazioni. Dalla riforma del codice penale al diritto dei magistrati a intervenire sul referendum sulla costituzione, fino al dibattito sulla stepchild adoption.
Difficilmente, però, lo sentirete affrontare un tema che forse meriterebbe una riflessione pubblica da parte del Guardasigilli: la tortura.
O meglio la legge sulla tortura. O meglio ancora la legge sulla tortura che ancora non c’è e che se ci sarà sarà comunque una legge timida in ossequio ad una parte delle forze dell’ordine che da una conquista democratica teme di perdere la propria autorevolezza.
La mancanza di una legge che è costata all’Italia una condanna dalla corte europea dei diritti dell’uomo in relazione ai fatti della Diaz e ne costerà una seconda per i fatti del lager di Bolzaneto sempre nel G8 del 2001. Tra le poche cose che il ministro Orlando disse mentre si discuteva il disegno di legge oggi fermo in Parlamento ci fu l’auspicio che” la discussione sui fatti della Diaz non pregiudichi un traguardo importante per tutto il paese”.

E invece è proprio il contrario: i fatti della Diaz “DEVONO” orientare la legge sulla tortura. D’altra parte al ministro i fatti della Diaz creano qualche imbarazzo visto che il suo sottosegretario Cosimo Ferri è tra i soggetti delegati ad occuparsi della legge sulla tortura. Proprio Ferri, il cui fratello Filippo è uno dei super funzionari condannati per le false prove della Diaz, cioè uno di quei poliziotti che ci sono costati la condanna della Corte europea.

Ministro Orlando ma la tortura avrà o no qualche attinenza con il ministero che lei guida? Dica qualcosa, non obbligatoriamente di sinistra.

In attesa della risposta potete incollare questo post in una mail e spedirla al ministro a questo indirizzo ufficio.stampa@giustizia.it

LASCIA UN COMMENTO