Il sindaco Bucci per la famiglia farebbe di tutto. Anche borsare qualche soldo, non dei suoi, dei genovesi sia chiaro. C’è infatti da registrare un importante sostegno se non proprio alle famiglie, almeno alla consulente alla quale il sindaco aveva affidato alla fine del 2017 l’Agenzia per la famiglia. Spiegava il sindaco che alla guida dell’Agenzia era stata posta “Simonetta Saveri giovane avvocato che dal dicembre 2017 coordina, senza percepire alcun compenso, l’Agenzia per la famiglia”.

Vabbè, non è proprio così, perché dopo una lunga riflessione il sindaco ha deciso che l’avvocato Saveri andava remunerata.

Ci informa il SecoloXIX che prenderà 10 mila euro più 400 di rivalsa per contributo previdenziale più 2500 euro di fondo per l’attività dell’Agenzia.

Cosa sia cambiato in questi due anni nessuno lo ha spiegato ma si sa, anche il sindaco tiene…. agenzia.

LASCIA UN COMMENTO