A GENOVA NASCE UNA SCUOLA DI POLITICA buone notizie dalla città

0
2693

Tutti a lamentarci dello spettacolo desolante delle candidature alle prossime elezioni. Tra indagati, imputati e politici di professione.

Tutti a chiedersi come si potrebbe selezionare una classe dirigente cittadina finalmente diversa. E magari a domandarsi come si potrebbero preparare i cittadini alla politica.

Ma qualcosa di nuovo c’è. Si chiama Poliedri (www.poliedri.it) e nella presentazione del sito si annuncia come “Scuola di formazione politica e cittadinanza attiva”. Quindi una scuola per chi vuole essere cittadino consapevole e attivo, prima di tutto. E poi anche per quelli che vogliono fare politica.

Scuola di politica, ma non di partito. Con alle spalle una forte impronta ideale, ma non di parte. Ad animarla il padre gesuita Francesco Cavallini che da anni ha messo al servizio della città slancio ideale e insieme una concretezza tutta lombarda. Un uomo che lavora per gli altri, che siano i poveri di San Marcellino oppure gli studenti della Cena delle buone idee. Passando per l’impegno appunto politico, per esempio contro le slot machine.

Cavallini che accompagna i ragazzi con la Bibbia e la Costituzione nello zaino a camminare su per le montagne vicino a Marzabotto.

A leggere la presentazione della scuola – che avvierà la sua attività nelle prossime settimane – trovi spesso le parole FUTURO e RESPONSABILITA’.

Oltre al programma delle attività.

Gli obiettivi sono:

  1. Garantire l’acquisizione di conoscenze specifiche che possano rappresentare strumenti reali per l’esercizio della propria cittadinanza e, nello specifico, di ruoli politici
  2. Superare l’atteggiamento di rassegnata passività verso il sistema socio‐politico
  3. Accordare priorità alla politica e dunque alla formazione politica, premessa indispensabile per un’azione responsabile
  4. Favorire la partecipazione consapevole alla vita della polis
  5. Promuovere il valore dell’etica, qualunque sia l’ambito di realizzazione di ognuno
  6. Favorire l’impegno dell’individuo per il bene comune della società cui appartiene

Torna in mente quella che è stata per Genova la “Scuola di formazione politica” fondata da padre Pietro Millefiorini nel 1988. Un altro gesuita, anche lui adottato da Genova. Erano serate di incontri, parole, confronto. Alla fine si usciva comunque arricchiti.

E poi c’era il corso. Una scuola vera, non chiacchiere. Così vorrebbe essere anche la nuova scuola dei Poliedri. Si stabilisce un argomento di studio e lo si approfondisce, si concepisce un progetto. Si impara sul campo, insomma, con docenti di diritto ed economia.

Gli ideali, che sono la base della buona politica, forse non possono essere oggetto di studio. Ma senza una preparazione adeguata rischiamo di non avere i mezzi per metterli in pratica. Non solo: la scuola è confronto e crea una rete che giova comunque a tutta la città.

E’ tardi per queste elezioni. Ma serve qualcuno che parla di futuro e responsabilità.

LASCIA UN COMMENTO