Genova, chi avrà il coraggio di votare il M5s?

0
3082

Chi sarà l’elettore del M5s a Genova? Ma la domanda la si può allargare anche al resto della Liguria a iniziare da Spezia. Iniziamo col dire che è comunque più facile scoprire un elettore pentastellato che riuscire a sapere chi sia il responsabile del blog di Beppe Grillo, ciò detto chi avrà il coraggio o la lucida follia di votare Marika Cassimatis?

Non tanto per lei, una brava signora con due lauree, uno dei non tantissimi esponenti del M5s con un lavoro alle spalle, quella Cassimatis che al terzo tentativo dopo europee e regionali se ne uscisse sconfitta potrebbe sempre ripiegare sul consiglio del Circolo della cirulla, ma più che altro per un partito che sembra avere più correnti della Dc dei tempi d’oro. Solo che mai e poi mai la mamma di De Mita avrebbe distribuito volantini per dire che Forlani non era il suo candidato perchè aveva la bavetta (e invece oggi vediamo parenti di pezzi grossi del Movimento che lanciano anatemi sui social).

Quindi torniamo a bomba: chi può votare oggi M5s?

Chi può fidarsi di un partito in cui il candidato della leadrship chiede la pubblicazione dei nomi dei votanti alla selezione perché non si fida del suo concorrente? Si comincia così e si finisce con le liste di proscrizione. Almeno il Pd alle primarie faceva votare i cinesi ma poi lo sconfitto mica andava a chiedere i nomi (sì d’accordo i nomi cinesi si assomigliano tutti).

Che fiducia da un partito che ha perso un numero di attivisti impressionante, specie quelli della prima ora?

Quindi chi li voterà? Gli infuriati sempre e comunque, i cittadini alla ricerca di una purezza che da sola dovrebbe compensare tutte le altre mancanze, persone per le quali non esistono posizioni diverse ma solo traditori, codardi e ladri, o ancora genovesi e liguri privi ormai all’ultima spiaggia elettorale?

Aiutateci a capire se ne avete voglia e scriveteci perché voterete ancora il M5s o non lo voterete più.

*****AGGIORNAMENTO*****

Manco il tempo di scrivere questo articolo ed ecco arrivare il diktat di Grillo:”La Cassimatis non va bene, si rivota”. Su quale base statutaria? Questa: “Fidatevi di me”.

A questo punto la domanda è quanto mai attuale: chi avrà il coraggio?

LASCIA UN COMMENTO