FATEVI DARE DEL ‘COGLIONE’ e sorridete

1
269

Lo sapevate? Potete dare del ‘coglione’ a chiunque vi capiti a tiro e non è più un reato. Potete fermare per strada un signore, uno a caso, guardarlo negli occhi e senza patemi dirgli: “Che gran faccia da culo. Buongiorno”.

Sono soddisfazioni.

Ma il punto è… che potrebbero anche dirvelo a voi che siete dei… vabbè, avete capito.

Così un giorno vi capita di trovarvi in via Pio Parma, un vicoletto di Quinto. Vedete un posto libero, praticamente un miraggio… allora mettete la freccia e fate per infilarvi. A metà della manovra un motorino vi sfila davanti e quasi lo schiacciate. Allora ardite dire: “Ma perché non mi ha lasciato passare?”, ma proprio così. Letterale.

Al che il tizio del motorino si ferma. E’ un pensionato di quelli a cui piace fare i giovanotti. Maglioncino (troppo) attillato su pancia, scarpe da ginnastica tipo quelle del nipote quindicenne, capelli brizzolati con ritocco. Ti guarda che si crede Edward Norton in Fight Club e senza fare una pinza dice: “Ma lo sai che sei un coglione, una faccia di merda, una testa di cazzo”. O se vi danno fastidio le parolacce diciamo così: “Ma lo sai che sei un testicolo, una faccia di escremento fecale, una testa di pene”.

E fa per scendere dal motorino con aria da duro (ma una fitta di sciatica lo ferma).

Al che ti vengono in mente diverse opzioni:

  1. scendete dall’auto e gli date un pugno che gli fa saltare la dentiera (in una frazione di secondo calcolate: avete quindici anni meno di lui, siete alti un metro e novanta, ma non vi picchiate dalla terza media e soprattutto… perché finire nei guai per un diversamente intelligente come questo?)
  2. tentate la via in stile Gandhi: “Scusi, ma perché deve insultare così una persona per una questione di precedenza? Ci sono già la fame nel mondo, le epidemie, le catastrofi (naturali e non)… ma le pare il caso di prendersela tanto?”.
  3. Gli rispondete con un sorriso enorme per farlo sentire un cretino e fargli salire la pressione (alternativa difficile da praticare, perché avete i testicoli che vi fumano). Avrete dato il vostro contributo alla pace nel mondo e alla fraternità tra gli uomini.
  4. Alzate il finestrino, vi sentite umiliati e ve la tenete. Perché a volte gli insulti sono peggio di una sberla. E almeno una volta pensavi che potevi denunciarlo e avere un minimo di giustizia, mentre oggi devi solo tacere.
  5. Ve ne andate senza proferire verbo e appena siete a casa sgridate vostro figlio. Una ragione ci sarà sempre.

Ma lasciateci farvi due domande:

VOI, CHE COSA FARESTE?

NON PENSATE CHE LASCIARE IMPUNITA L’INGIURIA SPALANCHI LE PORTE A CHI VUOLE FARSI GIUSTIZIA DA SE’…

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO