Ditecelo voi: siamo utili o deprimenti?

0
1086

depressage“Siete deprimenti”. La sostanza del messaggio è questa. Non è il massimo della soddisfazione quando ti senti un reporter senza macchia e senza paura.

Ma poiché l’osservazione viene da un amico che stimiamo vale la pena porsi la questione.

E’ una delle domande cardine del nostro lavoro: è giusto sempre fare le pulci o bisogna anche raccontare le cose che vanno bene?

Insomma: il giornalista deve essere sempre coscienza critica con il rischio di essere pesante come una sacher oppure deve anche allietare l’esistenza del lettore (rischiando, però, di abdicare alla sua funzione di cane da guardia)?

A voi l’ardua sentenza. Ecco il messaggio che il nostro amico Francesco ci ha mandato da Londra:

“Posso dirti la mia con tutto il rispetto? Anche se capisco e comprendo non mi piacciono molti vostri articoli del blog. E’ per questo che veramente me ne sto a Londra con tutti i difetti degli inglesi. Almeno e loro analisi sono basate veramente sui fatti. Invece i commenti che si leggono sembrano sempre sul genere sarcastico sfasciacarrozze e non hanno alcunche’ di costruttivo.

Francamente visto dall’estero il “SI” avrebbe dato un segno di speranza, una voglia di cambiare.

Invece NO. Ottimo

Non difendo assolutamente Renzi, ma la capacita degli italiani di farsi male da soli è incredibile. Quasi come quelli che hanno votato per Brexit in inghilterra.
 
E nuovamente l’Italia rimarrà quello che è sempre stata… immobile. Lovely!”

LASCIA UN COMMENTO