18.5 C
Genova, IT
lunedì, 25 Maggio 2020

Lavori di Liguria: il traduttore di montagna

L’Autore produce suoni, con le sue parole, e tu lo imiti, gli fai il verso, così come la gazza fa il verso agli altri...

Se muore il cimitero di Maciste, Calamai e Firpo

IL CIMITERO DI SANT'ILARIO Non c'eri quasi mai andato al cimitero nel giorno dei morti. Ti sembrava un po' stucchevole, quasi retorico. Alle persone -...

Don Renzo cammina ancora qui con noi

Oggi, 9 anni fa, cadeva dal sentiero don Renzo Ghiglione. Per non dimenticare il valore e la lucidità del suo modo di stare al mondo,...

Protestare è bello. Anche a Sagone

Cinque anziani con l'ombrellone e la borsa frigo protestano all'incrocio di Sagone, in Corsica. Chissà se vinceranno la loro battaglia per i rifiuti, ma già ci hanno ricordato che protestare è un diritto. Anche un dovere. E non va confuso con la violenza come qualcuno vorrebbe farci credere

Uzzecchini, il figlio del droghiere, e l’inconoscibile logica del calcio di...

di Stefano Rissetto Quando ripensa a se stesso, dice: «E' il calcio e non puoi farci niente». Non ebbe paura di far tirare un calcio...

Sciù Parodi, uomo di Stato, di politica e pure di Chiesa

di Marco Preve e Ferruccio Sansa Se c’era un confine invalicabile tra Stato e Chiesa, a Genova questo confine lo si è oltrepassato da tempo....

Urbanistica vintage? La nuova pelle del Biscione oggi è di moda

di Francesco Gastaldi* Negli anni Ottanta era un quartiere da evitare, con vari problemi legati alla micro criminalità,  nell’immaginario collettivo cittadino era considerato con connotazioni...

Genova 2001-Nizza 2016. Il terrorismo e la scusa per rinviare la...

di Marco Preve Quindici anni fa il G8 di Genova 2001. E' cambiato molto da allora, ma una cosa è rimasta immutata. La tortura era impunita...

Mino Bozzano, troppo bello e forte per vincere davvero

Mino e la boxe sul ring della vita. Ha dato tanti pugni, ma la sorte glieli ha restituiti tutti

Il maestro di tennis – Roberto Bacigalupo “Altmann”, dalla racchetta al...

Era l'estate 1978. A insegnare tennis a Sestri Levante arrivò Roberto Bacigalupo. Dicevano che da giovanissimo avesse battuto perfino Yannick Noah