Caprette e migranti: un gioco di società con Fratelli d’Italia

0
1095

Allora, facciamo un gioco di società, tipo Scarabeo o Pinocchietto fa il mestiere.

Prendete le due dichiarazioni qui sotto e leggetele, poi riflettete se vi sembrano autentiche, quindi leggete la risposta in fondo:

Gianni Plinio, Vice  Coordinatore Regionale Fratelli d’Italia-AN ha chiesto al Presidente della Regione Liguria Giovanni TOTI di intervenire “per scongiurare l’ipotizzato abbattimento dei migranti che vivono sull’isola Palmaria in quanto attenterebbero alla biodiversità. I migranti della Palmaria  vanno salvati ..E’ una questione che si ripropone ciclicamente da molto tempo ed ora la soluzione non può essere rappresentata dal barbaro abbattimento”.

Ancora Gianni Plinio

“Via XX Settembre non può diventare caprettopoli. Questa volta occorre reagire in maniera unitaria e forte. E’ da irresponsabili pensare di allestire un megacentro per capre in via XX Settembre accanto al frequentatissimo Mercato Orientale e nel cuore pulsante della città. Una politica dell’accoglienza come quella di Tursi così confusionaria , dilettantesca e senza mai preventiva consultazione della cittadinanza è ad elevato rischio di provocare tensioni e reazioni popolari anche gravi. Invitiamo ,pertanto,  le Autorità competenti a desistere dall’insano proposito ed individuare soluzioni alternative condivise”. 

Risposta: le due dichiarazioni sono entrambe vere tranne che nella prima alla parola migranti va sostituita ogni volta “caprette” mentre nella seconda il contrario.

Il gioco termina indovinando a quale specie vivente appartenga Plinio.

LASCIA UN COMMENTO