Tortura, una legge per NON punire i colpevoli?

0
813

Ci sono voluti decenni. E sedici anni dal G8 di Genova.

Poi silenzi, rinvii, manfrine. Una vergogna, insomma.

E adesso finalmente, verrebbe da dire, arriva la legge anti-tortura anche in Italia (attende l’ultimo passaggio alla Camera).

Ma poi parli con chi alla lotta contro la tortura ha dedicato la vita e scopri che con questa nuova legge i responsabili delle torture di Genova non sarebbero probabilmente puniti.

Primo, perché è prevista la prescrizione e le indagini per le torture – dove l’aguzzino è lo Stato – durano tanto.

Secondo, perché è necessario che il comportamento incriminato sia reiterato. Insomma, se ti spezzo una mano una volta sola non è tortura. Ma perché?

Terzo, per punire la tortura morale deve esserci un referto che prova il danno psicologico. Come dire: se un poliziotto o un carabiniere ti puntano una pistola alla tempia dieci volte, non è tortura se non c’è un referto.

Ma questa è una norma per punire o per assolvere i torturatori?

E’ un atto di giustizia per le vittime del G8 di Genova o l’ennesimo schiaffo in faccia?

Un gruppo di magistrati, giuristi, vittime di tortura, ha lanciato questo appello

Tortura: è una legge truffa e contro le vittime, torniamo al testo Onu
Il Senato ha approvato una legge truffa sulla tortura, scritta in modo da renderla inapplicabile e in totale contraddizione con la convenzione Onu sulla tortura e con le indicazioni contenute nella sentenza di condanna contro l’Italia della Corte europea per i diritti umani del 7 aprile 2015 (Cestaro vs Italia per il caso Diaz). E’ un testo provocatorio e inaccettabile, che il parlamento non può approvare, se l’Italia intende rimanere nel perimetro delle nazioni democratiche e all’interno della Convenzione europea sui diritti umani e le libertà fondamentali, firmata nel 1950.
Nel testo licenziato dal Senato il crimine di tortura è configurato come reato comune e non proprio del pubblico ufficiale, arrivando alla scrittura di una norma volutamente ingannevole e quindi pressoché inapplicabile; la tortura è tale solo se “violenze”, “minacce” e “condotte” sono plurime (in tutto il mondo si usa giustamente il singolare); la tortura mentale – la più diffusa – è tale solo se “il trauma psichico è verificabile” (quindi sottoposto a incerte valutazioni, con inevitabili disparità di trattamento e lasciando la porta aperta a tecniche, come la deprivazione sensoriale, oggi praticate in tutto il mondo); la possibilità di prescrizione permane (il Senato ha addirittura eliminato il raddoppio dei termini previsto dal testo della Camera, mentre le convenzioni internazionali e la Corte di Strasburgo richiedono la imprescrittibilità del reato); non è previsto alcun fondo per il recupero delle vittime (altro obbligo disatteso, mentre in altre leggi si prevede il rimborso delle spese legali per certe categorie di imputati); nulla si dice – ulteriore mancanza rispetto agli obblighi internazionali – sulla sospensione e la rimozione di pubblici ufficiali giudicati colpevoli di tortura e trattamenti inumani e degradanti.
Se la Camera approvasse questo testo, l’Italia avrebbe una legge che sembra concepita affinché sia inapplicabile a casi concreti; avremmo cioè una legge sulla tortura solo di facciata, inutile e controproducente ai fini della punizione e della prevenzione di eventuali abusi.
E’ nell’interesse dei cittadini e delle stesse forze di sicurezza mantenere l’Italia nel perimetro della migliore civiltà giuridica, perciò chiediamo ad Antigone, ad Amnesty International, alle associazioni, a tutte le persone di buona volontà di battersi con ritrovata fermezza affinché la Camera dei deputati cambi rotta e il parlamento compia l’unica scelta seria possibile, ossia il ritorno al testo concordato in sede di Nazioni Unite. Quel testo garantisce un equilibrato aggiornamento del codice penale e può essere approvato dal parlamento nell’arco di poco tempo, entro la fine di questa legislatura.
———————————————
Enrica Bartesaghi, Arnaldo Cestaro, Lorenzo Guadagnucci (Comitato Verità e Giustizia per Genova)
Ilaria Cucchi (associazione Stefano Cucchi)
Enrico Zucca (già pm nel processo Diaz)
Roberto Settembre (già giudice nel processo d’appello per Bolzaneto)

Fabio Anselmo (avvocato)

Michele Passione (avvocato, studioso della tortura)
Vittorio Agnoletto (già portavoce del Genoa social forum)
Adriano Zamperini e Marialuisa Menegatto (psicologi, autori di studi sulla violenza collettiva e le vittime di tortura)
Marina Lalatta Costerbosa (docente universitaria, autrice del libro “Il silenzio della tortura”)
Pietro Raitano (direttore di Altreconomia)

Rispondi