CHI RAPPRESENTERA’ LA LIGURIA IN PARLAMENTO? la galleria dei papabili: Franco Vazio

0
684

Chi sceglieranno i partiti per rappresentare la Liguria nel futuro Parlamento?

Sembra quasi che non ci riguardi. Che sia una questione che interessa solo le segreterie. E invece è proprio il contrario: se la Liguria proseguirà il suo declino, dipenderà da chi ci rappresenterà. Da noi che avremmo votato male o non votato. Da noi che non avremo fatto sentire la nostra pressione sui partiti perché scelgano i migliori.

La Liguria è ancora una grande regione, ha ancora grandi risorse umane. Si possono e si devono scegliere le persone migliori. Trovando talenti nuovi, a prescindere che siano giovani anagraficamente.

Noi con questo blog ovviamente non ci schieriamo. Ma vogliamo darvi – e magari fornire ai partiti – qualche spunto per le scegliere.

Cominciamo da oggi una breve galleria… a voi il giudizio…

VERSO LA ELEZIONI/1 – FRANCO VAZIO

(dal Fatto Quotidiano)

È stato il grande inquisitore di Giuseppe Vegas. E il sostenitore di Maria Elena Boschi. Tanto che qualche maligno, ascoltando gli interventi di Franco Vazio alla Commissione banche, si è chiesto se l’onorevole ligure del Pd non avesse qualcuno che gli suggeriva le domande. Un attivismo che fa sorridere i compagni di partito: “Franco si sta guadagnando la ricandidatura”. Ma proprio tra gli onorevoli liguri del Pd c’è chi, senza voler comparire, solleva dubbi più pesanti: “Vazio forse non è la persona ideale per la commissione banche. Dal 2006 al 2013 è stato membro del cda della Cassa di Risparmio di Savona, la Carisa del gruppo Carige, oggi in crisi anche per i finanziamenti facili del passato”.
Tra questi ecco i finanziamenti all’imprenditore Andrea Nucera, protagonista di un crac da mezzo miliardo e oggi latitante a Dubai. Quel Nucera che aveva tanti amici in politica. Forse anche perché viene da quella zona, Albenga, al confine tra Savonese e Imperiese dove potere rosso e scajoliano si confondono. Da qui viene anche Vazio.
Le società di Nucera ricevettero in quegli anni da Carisa e Carige finanziamenti da 70 milioni. Lo hanno sottolineato gli ispettori di Bankitalia. Ne è nata un’inchiesta dei pm di Savona (Vazio non è mai stato indagato). Nucera oggi a Dubai gestisce ristoranti. Secondo gli investigatori ci avrebbe lavorato come maitre Amedeo Matacena. Con Nucera latitante a Dubai c’è anche sua moglie, Simona Musso. E l’avvocato di Musso era Vazio. Tra l’altro Fazio è anche vicepresidente della Commissione Giustizia della Camera. Quella che ha dovuto occuparsi della ratifica dei trattati di estradizione degli latitanti negli Emirati.
Vazio non ha mai gradito l’accostamento: “Ho dismesso l’incarico. E ho sempre votato a favore della ratifica”. E i finanziamenti a Nucera? “Non sono passati sotto il mio cda”. Ma ci sono altri possibili punti di contatto tra i due mondi: nel 2006 Nucera – quando non era un latitante, ma un imprenditore riverito da tutta Savona, con tanto di aereo privato – mise in vendita un palazzo nel cuore della città. Tra gli acquirenti tutta la Savona che contava: da Federico Berruti (allora sindaco Pd, ma anche commercialista e socio della moglie di Vazio) a Luciano Pasquale, che è stato presidente della Carisa (non indagato), della Camera di Commercio, nonché direttore dell’Unione industriali di Savona. I punti di contatto tra politica, Nucera e Carisa non finiscono qui. Enrico Nan – un passato da onorevole del centrodestra, poi transitato a Futuro e Libertà e infine uscito di scena – è stato l’avvocato storico di Nucera e vicepresidente e consigliere di Carisa. Polemiche dimenticate. E a Roma Vazio sembra essersi guadagnato la ricandidatura. Anche grazie alle sue esternazioni contro Andrea Orlando e i pm napoletani di Consip: “Era necessaria un’ispezione alla Procura di Napoli, ma Orlando ha preferito non agire”.

Rispondi