UN SOLO TRENO PER CHI VA A MILANO E A ROMA (e magari a Bologna e Firenze). ECCO LA PROPOSTA.

I collegamenti (carenti) con le grandi città: ecco che cosa rischia di strozzare Genova. Per due motivi: fa perdere occasioni di lavoro e costringe migliaia di genovesi a emigrare.

I tempi sono insostenibili: negli orari di lavoro (la mattina presto) per andare a Milano occorre quasi un’ora e quaranta, mentre un Frecciarossa Roma-Milano presto richiederà due ore e venti per percorrere una distanza più che doppia.

Per Roma il famoso freccia argento, l’orgoglio dei politici genovesi, impiega quasi quattro ore per andare a Roma. Un tempo quasi incompatibile con un lavoro che richiede andata e ritorno in giornata. E la competizione nei collegamenti aerei pare un sogno dopo tanti tentativi low cost falliti.

Ma allora viene da avanzare una proposta: perché il treno per Milano e Roma non potrebbe essere lo stesso? Un bel Frecciarossa – anzi, un Frecciagenova – di ultima generazione oppure un Italo, entrambi capaci di correre a oltre 300 all’ora in pianura.

Facciamo un esempio concreto: partenza da Genova alle 6,30, arrivo (senza fermate intermedie) a Milano Rogoredo per le 7,45. Non è fantascienza. Da qui, via verso Roma. Arrivo a Roma intorno alle dieci in caso di viaggio senza soste (un tempo comunque inferiore a quello dell’attuale frecciargento).

Ma si potrebbe partire un po’ prima (alle 6) e prevedere anche soste a Bologna e Firenze, città che sono mal collegate con Genova.

Un solo treno – ma si potrebbe al limite prevedere un cambio al volo a Rogoredo con un convoglio dedicato – per collegamenti multipli inserirebbe Genova nella rete dell’alta velocità, ma garantirebbe anche una copertura economica senza prevedere biglietti dai costi astronomici.

Un FrecciaGenova che aiuterebbe tanti genovesi a non perdere occasioni di lavoro e a non lasciare la nostra città.

Care Trenitalia e Ngv, che cosa ne dite?

Chiedetelo anche voi alle società ferroviarie. Scrivete a:

RelazioniEsterne@fsitaliane.it

ufficiostampa@ntvspa.it

Rispondi